Questions? Call us: +39 059 7860001

Manutenzione e sicurezza

 

La nostra bici: la sua manutenzione e la nostra sicurezza....che fare?

La conoscenza della nostra bicicletta è molto utile per aumentare la sicurezza del nostro mezzo e ci rende autonomi per poter risolvere piccoli incidenti che ci posso succedere durante una passeggiata o un viaggio in bicicletta.

Quando parliamo di manutenzione della nostra bici vogliono parlare di pulizia delle parti meccaniche, del telaio, di controllo dei freni, delle pastiglie e del cambio, mentre, essendo la bicicletta un mezzo delicato, alcune riparazioni dovranno essere effettuate da personale competente per non incorrere in un peggioramento della situazione.

La buona manutenzione preventiva inizia dalla pulizia della propria bici che non serve al solo far splendere il proprio mezzo ma serve a rendere efficiente il moto dei pedali e il lavoro del cambio. Sul manubrio occorre periodicamente controllare che questo sia perfettamente simmetrico al telaio e alle ruote, che non ruoti attorno al telaio e che i bulloni che lo collegano ad esso siano ben stretti. I freni dovranno essere sempre ben tirati Il cambio non dovrà produrre strani rumori e dovranno entrare tutti senza produrre trazioni. La catena sarà sempre pulite e oleata.

I copertoni, spesso soggetti a foratura, andranno spesso controllati prestando attenzione qualora presentino abrasioni o piccoli tagli. Utile essere forniti nei nostri viaggi di una camera d'aria di scorta e degli strumenti utili a riparare la foratura.

Ma dobbiamo prenderci cura della nostra bici anche quando non la utilizziamo tenendola al coperto evitando che l'umidità possa ossidare le parti metalliche e che la lunga esposizione al sole possa danneggiare la vernice.

Oltre alla nostra sicurezza come ciclista, il Codice della Strada è intervenuto per dettare alcune regole sull'equipaggiamento della bici per proteggere chi ci sta attorno.

Per questo prevede l'istallazione del campanello, delle luci anteriori e posteriori, dei catadiottri nei pedale e nelle ruote.

e per la sicurezza dei nostri bambini? come trasportarli al meglio?

Dal momento in cui il bambino è in grado di sedere in posizione eretta i seggiolini anteriori sono ottimi allegati: il bimbo riesce a guardarsi attorno e il genitore è in grado di tenere il suo piccolo sotto controllo che sarà legato ad un supporto. Quando il bimbo sarà cresciuto il seggiolino posteriore, più grande e anatomico, lo accoglierà.

Ma ricordate: i seggiolini devono essere omologati e non bisogna cercare di risparmiare sulla vita dei nostri bambini! e se intendiamo viaggiare con loro occorre attenersi alla norma UNI EN 14344 del 2005: i seggiolini vengono classificati in base al peso del bambino e al loro posizionamento: da 9 a 22 kg è la capacità di trasporto di quelli montati dietro il ciclista, da 9 ad un massimo di 15 kg è quella per i seggiolini montati tra manubrio e sella.

Alternativa per i viaggi più lungo sono i carrelli: un rimorchio a due ruote che può essere fissato alla vostra bici tramite un sistema di aggancio solido e sicuro, i migliori hanno una pinza che si ancora al forcellino posteriore oppure un sistema di ancoraggio che si fissa assieme allo sgancio rapido della ruota.

I bambini saranno avvolti dalla cintura di sicurezza che li proteggerà anche qualora si addormentino!

e allora...pronti per una passeggiata in bici?

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione accetti l'uso dei cookie. Leggi l'informativa.

Accetta